venerdì 24 aprile 2015

[Recensione] Abbracciami di Susanna Lessi

Titolo: Abbracciami
Autore: Susanna Lessi
Editore: Gruppo Albatros FUORI STAMPA

Genere: Thriller (psicologico)
Data pubblicazione: 30 maggio 2012

Isbn: 978-8856757583  

Pagine: 368
Prezzo: €17,50

Trama 
Quando Fred e Liz si rincontrano a Roma con il pretesto di una convention, la loro relazione, bruscamente interrotta mesi prima, riprende con la consapevolezza, del tutto nuova per entrambi, che non si tratti solo di una storia di sesso. Costretti a separarsi un'altra volta, mesi dopo si ritrovano a Los Angeles per lavorare insieme, come un tempo, a una importante campagna pubblicitaria, ma questo sarà l'inizio di un viaggio senza ritorno. Convinto di essere il responsabile della morte della madre, Fred è tormentato da incubi e allucinazioni. Perseguitato dal fantasma della donna e dai sensi di colpa, sviluppa una vera e propria ossessione nei confronti di Liz che, pur comprendendo che il loro è un legame malato, non riesce a separarsi da lui. Una storia sulla paura di amare, sul dolore, sulla follia, quella che Susanna Lessi affida alle pagine di "Abbracciami", perfettamente introdotte dalla citazione della maledizione gitana in Tredici variazioni sul tema: "Che tu possa ottenere tutto ciò che desideri, che tu possa desiderare tutto ciò che ottieni".

Recensione
Finalmente riesco ad avere un po' di tempo per scrivere questa recensione. Ho "sgraffignato" questo libro a mio fratello e, per la cronaca, non gliel'ho più restituito! Il motivo principale è che mi piace collezionare libri, ma questo l'ho voluto tenere perché mi è piaciuto in modo particolare.
E' davvero un peccato che sia fuori stampa. E' un ottimo libro, accidenti. Sinceramente non capisco più quali siano le credenziali necessarie per essere presi in considerazioni dalle Case Editrici. Sul serio. Cioè, questo romanzo ha tutte le caratteristiche per essere pubblicato da una Casa Editrice che si rispetti, perché è scritto bene, i personaggi sono delineati alla perfezione e la storia fila via che è una meraviglia, fino a un finale che non ti aspetti. In effetti qualche sentore lo avevo, ma mi ha stupito ugualmente. Mi è anche dispiaciuto finirlo, perché mi ero affezionata ai personaggi. E non mi capita spesso.
Tutto comincia con due amanti che si incontrano a Roma. E fin qui, non è che la cosa mi abbia elettrizzato molto. Ma l'evolversi della questione e lo stile dell'autrice mi hanno catapultato direttamente nella storia. I sentimenti tra i due protagonisti potevo sentirli anche io ed è stato incredibile, soprattutto quando Fred è tormentato dalle "visioni" o "allucinazioni" della madre morta. 
Come si passa da un quasi romanzo rosa a un thriller psicologico? Il passaggio non si nota neanche - e secondo me il merito va all'autrice che è riuscita a tessere un'ottima trama - ma credo che il punto di frattura tra un genere e l'altro sia stato il momento in cui viene presentata la problematica dell'infanzia difficile di Fred. Si sa che i traumi infantili si ripercuotono inevitabilmente anche nell'età adulta...ed è proprio questo il filo conduttore che lega tutta la storia. Ah, che cosa interessante! Il rapporto tra Fred e Liz dapprima solo fisico si trasforma pian piano in qualcosa di più. Per i due è qualcosa di travolgente, qualcosa di nuovo. Forse amore. Ma anche questo sentimento, si trasforma in qualcosa di più forte e di negativo: in una gelosia morbosa e ossessiva. Quest'ultima cosa è più accentuata in Fred, perché Liz, nonostante sia, a un certo punto, impaurita dai suoi comportamenti, non riesce a stargli lontana, quindi per lei, più che ossessione o gelosia, è proprio amore incondizionato. 
Non riuscivo a staccarmi dal libro, perché era inevitabile, dato che non ci sono parti deboli o lente.
Il finale, poi, è stato qualcosa di crudo e da brividi! Seppure sia crudele e io avessi in mente qualcosa di diverso - e devo dire che ho sperato fino alle ultime dieci pagine in un rinsavimento - è stato quello più "giusto" e coerente con gli avvenimenti. 
Se vi imbattete in questo libro in qualche mercatino o in giro da qualche parte, in biblioteca, nelle librerie dei vostri amici, beh, non esitate a prenderlo in prestito, perché merita davvero di essere letto!
Detto ciò, spero davvero che qualcuno decida a ri-pubblicarlo!

Valutazione
Cover: 6.5
Stile: 7.5
Trama: 8







Quattro diamantini stra-meritati! E voi? Che ne pensate? Vi piacerebbe leggerlo? Fatemi sapere!
Un saluto e buona giornata,
Tania

2 commenti:

  1. Non conoscevo questo libro ma la tua recensione mi ha incuriosita tantissimo! Spero che lo ripubblichino!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah lo spero anche io! Merita davvero.

      Elimina